Vari argomenti

Taglio Cuneo fiscale: Gazzetta Ufficiale 2020

Il decreto legge per il taglio del cuneo fiscale è stato pubblicato nella Gazzetta Ufficiale di mercoledì 5 febbraio (n. 29). E’ stato previsto in base al decreto un bonus cuneo fiscale da 600 euro dal 1° luglio per i redditi fino a 28 mila euro della durata di 6 mesi nel 2020.

Per coloro che hanno redditi superiori a 28.000 euro e fino a 40 mila euro, è stato previsto nel 2020 una detrazione fiscale pari a 480 euro rimodulati. Questo affinché decresca fino ad arrivare al valore di 80 euro per un reddito di 35 mila euro lordi, per ridursi progressivamente fino ad azzerarsi a 40 mila euro.

In poche parole questo provvedimento costituito da 5 articoli, prevede che dal 1° luglio 2020 al 31 dicembre 2020 vada in atto la sperimentazione del taglio del cuneo fiscale attraverso un’integrazione al reddito pari a 600 euro per i redditi di lavoro dipendente e assimilati a partire da 8.200 euro fino a 28 mila euro.

Per coloro che hanno redditi più elevati ovvero tra 28.000 euro e 35.000 euro, l’aumento in busta paga, si traduce in detrazione fiscale da 480 euro fino a 80 euro.

Decreto taglio cuneo fiscale 2020 nella Gazzetta Ufficiale:

Il provvedimento è formato da 5 articoli e prevede che per il periodo – dal 1° luglio al 31 dicembre 2020 – venga accreditato un bonus di 600 euro, per i redditi di lavoro dipendente e assimilati a partire da 8.200 euro fino a 28 mila euro.

Si spiega in particolare che:

Il decreto legge n° 3 del 5 febbraio 2020 per il taglio del cuneo fiscale pubblicato in Gazzetta Ufficiale di mercoledì 5 febbraio (n. 29) prevede le seguenti novità dal 1° luglio 2020:

  • Il bonus Renzi aumento da 80 a 100 euro netti mensili per chi ha un reddito annuo fino a 26.600 euro lordi;
  • Bonus Renzi da 100 euro da 26.600 euro a 28mila: tale platea finora è stata esclusa dal bonus Irpef, e da luglio 2020 beneficerà per la prima volta di un incremento di 100 euro al mese in busta paga;
  • Bonus cuneo fiscale da 600 euro per i redditi fino a 28mila euro: il bonus è per 6 mesi nel 2020 – cioè da luglio a dicembre e sale a 1.200 euro a partire dal 2021;
  • Il bonus cuneo fiscale sotto forma di detrazione fiscale per i redditi superiori a 28.000 euro e fino a 40mila euro;
  • Bonus cuneo fiscale da 480 euro a 80 euro per i redditi da 28.000 euro e 35mila euro lordi;
  • Bonus cuneo fiscale da 80 a zero per i redditi da 35.000 euro e fino a 40mila euro.

Il ministro dell’Economia Gualtieri al termine del CdM che ha dato il via libera al taglio del cuneo fiscale ha detto:

L’approvazione del decreto sul taglio delle tasse in busta paga è una grande soddisfazione anche per la coesione dimostrata dalla maggioranza e per il dialogo positivo con le parti sociali. È un primo intervento concreto nel segno della crescita e dell’equità che costituirà la base di una più ampia riforma del sistema fiscale.

Da quando entra in vigore il decreto taglio Cuneo fiscale?

Uno dei primi tagli riguardanti le tasse del governo giallorosso, con i 3 miliardi stanziati con la Manovra 2020, avrà inizio dalla busta paga di luglio 2020 con benefici per circa 16 milioni di lavoratori.

Invece, per quanto riguarda la riduzione del cuneo fiscale 2020, interesserà i dipendenti con redditi a partire da 8.200 euro fino a 40 mila euro. Estendendo di 4,3 milioni la platea del “vecchio” bonus Renzi che con diverse probabilità sarà cambiato da bonus a detrazione fiscale.

Successivamente alla crisi di governo, l’obiettivo dell’Esecutivo con la nuova Legge di Bilancio 2020 si basa su due punti importanti:

  • Bloccare l’aumento IVA 2020;
  • Taglio del cuneo fiscale in busta paga dei lavoratori a partire dal 1° luglio 2020;
  • Il famoso salario minimo, invece, è stato rimandato per dare più forza alla riduzione del cuneo fiscale.

Taglio del cuneo fiscale?

In base a quanto previsto dal primo testo bozza della Manovra, c’è la conferma della volontà del governo Conte bis di seguire la strada della riduzione delle tasse sul lavoro a vantaggio del lavoratori.

Ciò vuol dire che il taglio del cuneo fiscale e contributivo, ci sarà per i lavoratori mentre sul versante imprese. Il taglio potrebbe prendere la forma di una riduzione dei contributi pagati dal datore di lavoro per i lavoratori a contratto a tempo indeterminato.

Per realizzare la nuova Manovra 2020 e per ridurre il cuneo fiscale 2020 ci sono diverse strade:

  • Rimodulare ed estendere il bonus Renzi di 80 euro, con effetti anche sugli incapienti;
  • Un intervento ad hoc per i giovani;
  • Ridurre i contributi anche per agevolare il decollo del salario minimo.

Al momento la soluzione più gettonata prevede un intervento di 3 miliardi nel 2020 e altri 2 dal 2021, per l’introduzione di un bonus cuneo fiscale in busta per circa 16 milioni di lavoratori con redditi tra 8.200 euro e 40.000 euro.

A chi spetta l’aumento 100 euro?

La riduzione del cuneo fiscale interesserà 16 milioni di dipendenti con redditi fino a 40 mila euro, ecco a chi spetta aumento:

  • Redditi da 8.200 euro a 26.600 euro: Bonus Renzi aumenta da 80 euro a 100 euro al mese da luglio 2020, per cui aumento di 20 euro al mese ovvero 600 euro da luglio a dicembre e 1.200 euro annui dal 2021, perché intero anno;
  • Redditi tra 26.600 e 28.000 euro: esclusi finora dal bonus Renzi, spetta bonus 600 euro per 6 mesi da luglio a dicembre. Si tratta di circa 75 mila lavoratori;
  • Redditi oltre 28.000 euro e fino a 35.000 euro: si applica riduzione progressiva del bonus a partire da 480 euro fino a 80 euro per i redditi fino a 35 mila euro, il bonus è sotto forma di detrazione fiscale;
  • Redditi 35.000 euro e 40.000 euro: spetta un bonus da 80 euro fino ad azzeramento per i redditi fino a 40 mila euro.

Per tutti i nuovi beneficiari lo sconto non dovrebbe arrivare sotto forma di bonus Renzi 2020 quindi in busta paga ma come detrazione fiscale, così come spiegato dalla vice ministro di Gualtieri al Mef, Laura Castelli.

Cuneo fiscale pensionati 2020: Quando?

Il taglio del cuneo fiscale e quindi delle tasse sul lavoro pagate dai lavoratori, è solamente per i lavoratori e non per i pensionati.

Il Premier Giuseppe Conte ha detto ai leader di Cgil, Cisl e Uil che: “In prospettiva contiamo di coinvolgere anche i pensionati nella riduzione dell’Irpef. Confidiamo di continuare questo dialogo con il sindacato. Nei prossimi giorni ci sarà un proseguimento dei tavoli su pensioni, investimenti e mezzogiorno”.

Cuneo fiscale e salario minimo:

I 3 punti principali messi in agenda dal premier Giuseppe Conte e da Luigi Di Maio e Luca Zingaretti, e riconfermati durante il discorso di Conte alle Camere per il voto di fiducia al governo Conte bis sono:

  • Blocco aumento IVA;
  • Salario minimo;
  • Taglio del cuneo fiscale in legge di Bilancio 2020.

Il premier Conte, si trova alla guida del nuovo Esecutivo che ha scritto ed approvato una nuova Legge di Bilancio. La nuova Finanziaria è una manovra economica espansiva, che ha come obiettivo principale quello di bloccare l’aumento dell’IVA 2020 e la sterilizzazione della clausole di salvaguardia IVA 2020.

Un altro punto della nuova Manovra verte sul taglio del cuneo fiscale 2020 per i lavoratori. Ovvero che dal 2020 ci sarà un mini-taglio del cuneo, che verrà poi esteso dal 2021. Il terzo punto, il salario minimo è stato rinviato a dopo la Legge di Bilancio.

Nel programma di governo, infatti, è indicato come obiettivo quello di dare un’adeguata retribuzione (“salario minimo”), che garantisce e tutela le massime a beneficio dei lavoratori, “ma anche nell’individuare il giusto compenso anche per i lavoratori non dipendenti, al fine di evitare forme di abuso e di sfruttamento in particolare a danno dei giovani professionisti”.

Salario minimo orario e cuneo fiscale:

Con la nuova Legge di Bilancio 2020 non c’è stata l’istituzione del cd. salario minimo, una delle storiche battaglie del Movimento 5 Stelle, ma si farà nel corso del 2020.

Il Salario minimo m5s, è uno dei temi centrali su cui i pentastellati combattono dal 2013, era già presente nel primo disegno di legge per l’istituzione del Reddito di cittadinanza.

L’idea di salario minimo si basa sul fatto che nessun lavoratore deve guadagnare meno di quanto previsto dai CCNL,e comunque, mai meno di 9 euro lordi all’ora.

Con l’entrata del salario minimo in Italia, per la prima volta, si attuerebbe quanto previsto dall’articolo 36 della nostra Costituzione, secondo cui “il lavoratore ha diritto ad una retribuzione proporzionata alla quantità e qualità del suo lavoro e in ogni caso sufficiente ad assicurare a sé e alla famiglia un’esistenza libera e dignitosa”.

In Francia invece è stato portato a 1.498,50 euro mensili.

Tags

Stranieri d'Italia

Stranieri d’Italia è un sito che si occupa di tenere informati attraverso articoli di recente aggiornamento tutti i cittadini stranieri d’Italia e non.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close
Close