Dcumenti e Moduli

Elenco documenti per successione 2022: Agenzia entrate

In che cosa consiste la dichiarazione di successione? e qual’è l’Elenco documenti per successione 2022? e posso fare dichiarazione di successione per residenti all’estero?

In questa breve guida vediamo insieme di rispondere a tutte queste domande!

Dichiarazione di successione: cos’è?

Secondo quanto riportato dal Sito CAF CISL Per Successione ereditaria si intende la devoluzione dei rapporti giuridici dal De Cuius (il defunto) agli eredi.

E’ regolata nel Libro Secondo del Codice Civile. La successione ereditaria non comporta il solo trasferimento dei beni immobili, mobili ed altri diritti reali ma anche il trasferimento di obblighi che il de Cuius assunse in vita quali debiti, imposte arretrate ai quali devono far fronte tutti gli eredi in proporzione ai loro diritti.

La Successione si dice legittima quando gli eredi succedono al defunto in forza di legge, si dice testamentaria quando i beni sono devoluti conformemente alla volontà scritta (testamento) del de Cuius.

La dichiarazione di successione va presentata entro un anno dalla data del decesso, ma sono esonerati dalla presentazione della dichiarazione di successione il coniuge o i parenti in linea retta se la successione non comprende beni immobili e diritti reali immobiliari e il valore globale dell’asse ereditario lordo (cioè il valore complessivo dei beni e dei diritti caduti in successione) non supera i 100.000 euro.

Elenco documenti per successione 2022: Agenzia entrate

Di seguiti vi presentiamo l’Elenco documenti per successione 2022 da allegare alla dichiarazione di successione che sono:

  • Certificato o estratto di morte;
  • Dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà (sottoscritto in Anagrafe);
  • Copia della carta di identità e del codice fiscale del deceduti;
  • Copia della carta di identità e del codice fiscale degli eredi (verifica correttezza residenza ed indirizzi);
  • Codice fiscale di eventuali eredi premorti;
  • Certificazione legge 104 (portatore di handicap) in capo agli eredi;
  • Pubblicazione del testamento;
  • Verbale di rinuncia all’eredità;
  • Verbale di accettazione con beneficio di inventario ed eventuale inventario;
  • Atti di proprietà (compravendita, donazione , dichiarazione di successione, divisione…);
  • Visure catastali ed estratti tavolari;
  • Certificato di destinazione urbanistica in caso di terreni (da richiedere in Comune);
  • Documentazione delle variazioni dei fabbricati (condoni, ampliamenti, planimetrie, mod. 44, mod.D) e dei frazionamenti dei terreni;
  • Estratto per riassunto del certificato di matrimonio;
  • Dichiarazione dell’Istituto di credito per la sussistenza del patrimonio mobiliare; nel caso di cassetta di sicurezza intestata al de cuius verbale di apertura della cassetta di sicurezza;
  • Documentazione relativa ai debiti in capo al de cuius (contratto di mutuo, cartelle Agenzia Riscossioni);
  • Spese funebri;
  • Copia atti di donazione;
  • Situazione patrimoniale dell’azienda (da chiedere al commercialista);
  • IBAN del dichiarante, non cointestato col deceduto, non deve essere un libretto postale.
Leggi anche:  Dichiarazione di responsabilità INPS 2022 cos'è, Modelli ICRIC ICLAV e ACC

Dove si presenta la dichiarazione di successione 2022

La dichiarazione di successione 2022 potrebbe essere presentata direttamente dai contribuenti, anche solo uno di quelli che compongono l’asse ereditario del deceduto.

La dichiarazione può essere presentata anche:

  • Tramite i servizi telematici dell’Agenzia delle Entrate;
  • Tramite un intermediario abilitato, quindi Caf, commercialisti e Professionisti del settore;
  • Presso l’ufficio dell’Agenzia delle Entrate che ha competenza territoriale in base alla residenza del defunto.

Per chi intende presentare la dichiarazione di successione autonomamente, sfruttando i servizi digitali dell’Agenzia delle Entrate, il meccanismo è quello solito, ovvero autenticandosi tramite uno di questi servizi:

  • Spid (Sistema Pubblico di Identità Digitale);
  • Cns (Carta Nazionale dei Servizi);
  • Cie (Carta di identità elettronica).

Modello dichiarazione di successione pdf 2022

Il modello di dichiarazione di successione e domanda di volture catastali deve essere presentato in via telematica. La presentazione cartacea del modello conforme a quello approvato è consentita in via eccezionale ai residenti all’estero, se impossibilitati alla trasmissione telematica.

NOTA BENE: si dovrà continuare a utilizzare il modello 4 per le successioni aperte prima del 3 ottobre 2006 o per apportare modifiche o sostituire dichiarazioni già presentate con questo modello.

Modello dichiarazione di successione pdf

Modulo 04 – Dichiarazione di successione pdf

Ti invitiamo a guardare questo video che parla della dichiarazione di successione che, come noto, va presentata all’Agenzia delle Entrate.

Leggi anche:  Modulo richiesta allattamento 2022 inps pdf

Tasse di successione 2022

Per capire bene, come puoi calcorlare le tasse di successione 2002, bisogna tener conto del grado di parentela e dell’asse ereditario.

Ecco la lista degli eredi e delle quote previste:

  • coniuge e i parenti in linea retta, come figli, nipoti, genitori o nonni, non sono tenuti al pagamento dell’imposta di successione se l’eredità è inferiore a 1.000.000 di euro. Oltre questo limite, si applica un’aliquota del 4% sull’importo eccedente 1.000.000 di euro;
  • i fratelli e le sorelle non pagano l’imposta di successione se l’eredità non supera i 100.000 euro. Oltre pagano un’aliquota pari al 6%;
  • i parenti entro il quarto grado pagano un’imposta al 6% e non è prevista alcuna franchigia;
  • tutte le altre persone pagano un’aliquota del 8% e non è prevista franchigia;
  • se un erede è portatore di un grave handicap, la franchigia arriva fino a 1.500.000 euro.

Dichiarazione di successione per residenti all’estero

Se la residenza del defunto è all’estero (o non è nota) ed egli non ha mai risieduto in Italia, la dichiarazione di successione deve essere presentata all’Ufficio territoriale di Roma 6 – Eur – Torrino, della Direzione provinciale II di Roma.

Se, invece, prima di risiedere all’estero, il defunto ha risieduto in Italia, l’ufficio competente è quello dell’ultima residenza nota in Italia.

In ogni caso, per la esatta determinazione delle imposte dovute e degli adempimenti da porre in essere con riguardo alle successioni internazionali, si consiglia di verificare se l’Italia ha eventualmente stipulato una convenzione contro la doppia imposizione in materia di imposta di successione con lo Stato di residenza del defunto.

Leggi anche:

Articoli Correlati

Back to top button